About

Giuliano Azzoni

Azzoni Giuliano nasce il 28 maggio 1953 sul tavolo di cucina nella casa di Terranuova Bracciolini, Arezzo.

Da scolaro si presenta intelligente ma scostante, già nell'infanzia il disegno, le discipline artistiche e lo sport, diventano un mezzo espressivo e rivelatore dell'irrequietezza del giovane.

Il percorso scolastico si interrompe nel mezzo delle scuole superiori e dopo varie esperienze lavorative. Figlio di operai nel 1977, viene assunto in fabbrica come metalmeccanico. Nel 1979 sposa Angelina, dalla quale avrà un figlio, Marco. È con la nascita del figlio che l'attività artistica prende forma diventando una componente essenziale della vita.

Inizia così a dipingere e scolpire pietra e legno in una cantina nel centro storico di Terranuova, sostenuto anche dall'esperienza di altri artisti locali coetanei e non, che frequentava abitualmente.

Nel 1986 inaugura nell'oratorio S.Benedetto di Terranuova Bracciolini, la sua prima mostra personale. Evento a cui poi seguiranno altre esposizioni sul territorio Toscano.

Dal 1989 inizia una importante stagione di mostre personali in Svizzera nelle città di Zurigo e Basilea, per poi passare alle grandi manifestazioni fieristiche d'arte in Italia, come Bologna e Torino.

Contestualmente si evolve il linguaggio espressivo, abbandonando i temi retorici dell'arte per caricarsi di erotismo, simboli religiosi e politici tra corruzione e innocenza.

Nel 1999 arrivano importanti problemi di salute. A causa di una trombosi venosa l'attività lavorativa subisce un brusco arresto. E quest'ultima condizionerà fortemente tutto il resto della vita e della sua produzione artistica.

Seguono anni difficili accompagnati da un grande torpore creativo che si rifletterà anche nell'ambiente familiare. Sarà poi nei primi anni del 2000 che a poco a poco Azzoni ritroverà nuova linfa creativa e che vedrà luce e sintesi nella mostra internazionale dell'antiquariato a Roma nel 2010.

Nel 2011 purtroppo a seguito di un forte peggioramento del suo stato di salute, Azzoni muore impiccandosi all'argano di casa il 4 luglio.